Tu sei qui: Home News Il Gusto Ritrovato, 2 settimane e mezzo di scoperte e antichi sapori

Il Gusto Ritrovato, 2 settimane e mezzo di scoperte e antichi sapori

Incontro su frutta e ortaggi antichi, mercatino, concorso, caccia al tesoro e tante escursioni in Val di Bisenzio fino al 26 settembre

Sono al nastro di partenza le iniziative del “Il Gusto Ritrovato”, una kermesse che per due settimane e mezzo offrirà spunti per trascorrere del buon tempo in Val di Bisenzio.

Un incontro su frutta e ortaggi antichi, un mercatino, un concorso di dipinti, una caccia al tesoro e tante escursioni per tutte le gambe saranno accompagnati fino al 26 settembre dai sani prodotti del territorio, con acquisti nelle aziende agricole e degustazioni in bar e ristoranti dei tre Comuni di Vaiano, Vernio e Cantagallo.

L’iniziativa, che raccoglie nell’organizzazione e nella realizzazione degli eventi diverse associazioni e aziende del territorio, è coordinata dall’Associazione per lo Sviluppo Turistico della Val Bisenzio e ha il patrocinio dei Comuni di Vaiano, Vernio e Cantagallo e di Legambiente Prato.  

Venerdì 10 settembre, alle 17.30, alla Villa del Mulinaccio, a Vaiano, apertura degli eventi con l’incontro “Il Gusto Ritrovato: Ortaggi e frutti antichi da agricoltura sostenibile, dal territorio al piatto”, a cui interverranno esperti e operatori del settore e a cui sono chiamati a partecipare tutti coloro che vogliono saperne di più sul pomodoro Borsa di Montone o sugli antichi frutti della Vallata. L’apertura dell’incontro sarà a cura di Luca Mori (dottore forestale Regione Toscana) che parlerà di "Agricoltura bio-sostenibile e tecniche di difesa dai danni della fauna selvatica" , dopodiché la parola passerà ad Annalisa Marchi (ricercatrice e promotrice del progetto Frutta Antica 2007-2014) con l’intervento "Quella stagione della frutta antica in Val Bisenzio". A seguire Simone Luppi (dottore forestale, RDM Progetti Firenze) che parlerà di "Cambiamenti climatici e resilienza delle piante di frutta antica". Luisa Peris (Slowfood Prato) interverrà su "Prodotti, produttori, consumatori su un territorio che diventa comunità" per poi passare la parola a tre coltivatori di Borsa di Montone: Simone Rossini dell’Agriturismo Selvapiana, Emilio La Corte dell’azienda agricola La Corte del Maglio e Francesco Elmi dell’azienda agricola Il Meo. In chiusura, Daniele Mengoni dell’associazione Acquerino Cantagallo racconterà l’esperienza di “rete” che ha portato alla diffusione della conoscenza del vecchio pomodoro riscoperto negli ultimi anni.

Chi parteciperà all’incontro, che ha il patrocinio della Fondazione Cdse, potrà ammirare una copia della Divina Commedia riprodotta artigianalmente dal valbisentino Massimo Martini in stile gotico e potrà assaggiare il Borsa di Montone, in una piccola degustazione offerta da due aziende aderenti.

Sabato 11 settembre, la prima edizione del mercato de “Il Gusto Ritrovato”, nei giardini del Frantoio di Villa Guicciardini (ingresso lato via di Migliana) dalle 8.30 alle 19. Il mercatino sarà l’occasione per acquistare il pomodoro Borsa di Montone (anche in versione “passata”) e tante altre specialità della Val di Bisenzio, dalle confetture al miele, all’olio, alle conserve vegetali, ai formaggi e la ricotta e tutto quello che l’orto propone in questa stagione.

Protagoniste del mercatino  saranno comunque le piante da frutto antiche e selvatiche, delle vere rarità che difficilmente si trovano in vendita e che sono caratterizzanti del territorio, valbisentino e toscano. Durante la giornata sarà possibile acquistare piante in vaso delle varietà antiche: Pera Campana, Pera del Curato, Pera spina carpi, Ciliegia Amarasca, Fico Bianco, Melo di Decio, Mela Appia, Pesca Sanguigna, Fico verdino e Pesca d'Ognissanti coltivate dai Vivai Belfiore. 

Lo stand di Pino Baggiani, specializzato in piante selvatiche dai frutti eduli, invece proporrà: Pero volpino, Melo rossa del Mugello,Pero Silvestrin, Melo Fiorentino, Giuggiolo, Nespolo giapponese, Nespolo germanico, Sorbo domestico, Sorbo degli uccellatori, Sorbo ciavardello, Corniolo, Prugnolo, Sorbo montano, Biancospino, Corbezzolo.

E per gli amanti delle piante difficili da trovare, lo stand dell’associazione Seed Vicius sarà l’occasione per avvicinarsi allo scambio di semi, grazie alle varietà curiose, tipiche o rare che i soci custodiscono e mettono in condivisione con chi vuole iniziare la carriera di custode di semi.

Per gli appassionati di storia della Val di Bisenzio ci sarà uno stand della Fondazione Cdse, con tante pubblicazioni uscite nel corso degli anni, che raccontano le frazioni e gli eventi tramandati dalla memoria popolare e, fra quelle più recenti, “Boschi di memorie sull’Appennino”, una guida fra reale ed immaginario con proposte di escursioni.

Prodotti artistici e artigianali saranno poi esposti dalle associazioni aderenti, fra cui Insieme Autismo che proporrà il materiale realizzato dai ragazzi per il laboratorio di manualità.

In più, sarà possibile acquistare il cordiale realizzato da Letizia Bolognesi con erbe valbisentine dedicato alla Via della Lana e della Seta.

Per grandi e piccini il laboratorio di acquarello a tema “frutta” che terrà l’artista-illustratrice Sara Rossini (alle 11.30 e alle 16.30).

Il giorno successivo, domenica 12 settembre, alle 16.30 allo Chalet del Villeggiante di Montepiano sarà inaugurata la mostra d’arte legata al concorso “La Frutta Ritrovata”. Il tema dei dipinti, realizzati da artisti di tutta la Toscana, è, appunto, la frutta, mentre diverse le tecniche utilizzate per la composizione delle opere, dall’acquarello alla matita alla tempera. La mostra resterà allestita fino al 26 settembre, giorno della premiazione dei primi tre vincitori a cui saranno consegnati premi legati alla Val di Bisenzio.

Per gli amanti delle camminate e della natura, due eventi legati al tema della biodiversità, ancora sabato 11 settembre.

Il primo, per ragazzi, è una passeggiata per l'ascolto del bramito del cervo con pernottamento in tenda  organizzato da Passione Natura Biobiettivi a Cascina di Spedaletto (Cantagallo, PO). Per informazioni: Cinzia 3471933742 o Enrico 3383037439.   

Il secondo è un’escursione con pranzo all’Alpe di Cavarzano, a Poggio di Petto, con partenza da Montepiano, a cura di TrekUp Andrea Focosi Guida Ambientale Escursionistica e Agenzia di Viaggi Sotto la Palma.  Per informazioni e prenotazioni: 3389149075 – 0574442265

Ricordiamo inoltre che durante tutta la durata della manifestazione, dall’8 al 26 settembre,  chi volesse acquistare prodotti agroalimentari tipici, oltre all’occasione offerta dal mercato dell’11 settembre, ogni settimana, il giovedì pomeriggio sarà allestito come al solito il mercato in piazza Donatori del sangue a Vaiano (presente tutto l’anno), oppure si potranno fare compere e visite in azienda da: La Bebina The Sheep House, Agriturismo Corboli, Podere Figliule, Capre e Cavoli, Agriturismo Selvapiana, Az. Agr. La Corte del Maglio, Az. Agr. Il Meo e Agriturismo La Torruccia.

Chi invece volesse assaggiare il Borsa di Montone o altri Prodotti Agroalimentari Tipici della Provincia di Prato, potrà trovarli al: Ristorante La Castagna, Ristorante Il Ghirighio, Ristorante pizzeria bistrot Il Circo della Luna, Casa Vacanze Ristorante Le Bandite, Ristorante Pizzeria La Locanda degli Artisti,  Bar punto pranzo L’angolo del caffè, Pasticceria Bar Sport.

Azioni sul documento